Muchalayyama e suo marito sono entrambi affetti dalla lebbra. Foto: Peter Lemieux

benvenuto

La Missione Evangelica Contro la Lebbra (MECLL), è il ramo italiano della The Leprosy Mission International (TLMI), riconosciuta internazionalmente come leader nella lotta contro la lebbra. Le competenze e le conoscenze acquisite in oltre 135 anni di esperienza sul campo, come agenzia internazionale cristiana di sviluppo, sono applicate anche nella lotta contro la disabilità in genere e in questioni di sviluppo sostenibile che esulano dall’eradicazione della lebbra, concentrandosi, così, sulle conseguenze della lebbra e di altre diversabilità, al fine di ridurre la povertà, la discriminazione, l’oppressione, l’emarginazione, il pregiudizio e l’ingiustizia cui sono sottoposti i più deboli.

La MECLL lavora a stretto contatto con i propri partner per fornire aiuti per lo sviluppo sostenibile delle comunità e offrire interventi mirati in casi di emergenze umanitarie e di calamità naturali. Collaboriamo con i governi nazionali, con le comunità locali, con le agenzie internazionali e con altre agenzie non-governative (ONG). Le risorse necessarie a svolgere il nostro lavoro provengono da donazioni fatte da privati, da chiese e da aziende (detraibili ai sensi del D.Lgs 460/97 – Art. 13, comma V e del D.L. 35/2005 – Art 14 e L. 80/2005).

appello

Caption

Le Nazioni Unite hanno annoverato il Bangladesh fra i Paesi più poveri del Sud Est Asiatico.
La sovrappopolazione, l’estrema povertà e le malattie impediscono alle persone affette dalla lebbra di soddisfare anche le necessità più basilari. Esse hanno bisogno del nostro aiuto per trovare la forza ed il coraggio per vincere la povertà e per sconfiggere la lebbra.
Sono felice di annunciare che abbiamo lanciato un progetto di sviluppo per aiutare i più poveri tra i poveri. Abbiamo denominato questo intervento “Un chicco di speranza, nella lotta contro la povertà”. La povertà estrema è calcolata in base all’assunzione di meno di 2000 kcal al giorno, pari a 500 gr di riso bollito.* Da qui il nome del progetto.
In media, le famiglie guadagnano 13 centesimi al giorno – 13 centesimi che sono costretti a mendicare da persone che non stanno molto meglio di loro.
Il nostro staff ha svolto un’indagine nelle comunità interessate dal progetto ed ha elaborato una strategia d’azione. La necessità primaria è il cibo. Gli uomini, le donne ed i bambini affetti dalla lebbra che vivono in questi villaggi hanno bisogno di sicurezza alimentare per acquisire le energie necessarie ad affrontare problematiche più complesse quali lavoro e prevenzione delle disabilità. Lo scopo del progetto è quello di sollevare uomini e donne dal la loro condizione di fame e miseria; questo è il primo passo nel loro percorso di guarigione.

Noi cammineremo al loro fianco, un passo dopo l’altro!

Il costo dell’assistenza completa, delle risorse necessarie per risollevare questi uomini e queste donne dalla povertà estrema per poter poi combattere la lebbra è di €25 mensili. La tua offerta può portare, già da oggi, alle persone che vivono al di sotto della soglia di povertà: cibo, acqua, rifugio ed un sussidio mensile per dare loro stabilità mentre lavorano per sollevarsi dalle condizioni che li circondano.

*È necessario sottolineare che la soglia di povertà è calcolata in base alle calorie assunte e che l’assunzione di 500 gr di riso bollito al giorno non rappresenta una dieta bilanciata.

news & eventi

1 / 6 / 2010
Fisorchestra Libertango
per saperne di più >>

5 / 4 / 2010
Convocazione Assemblea Nazionale MECLL
per saperne di più >>

Filmati

Caption

Per guardare il filmato clicca qui >